Attività

La Rete giudiziaria europea in materia penale è stata istituita con Azione comune dell’Unione europea 98/428/GAI, poi sostituita con la Decisione 2008/976/GAI del Consiglio europeo al fine di “rafforzare la cooperazione giudiziaria tra gli Stati membri” anche con il coinvolgimento attivo di Eurojust.
Essa si propone il compito di migliorare la cooperazione giudiziaria tra gli Stati membri dell'Unione europea a livello giuridico e pratico al fine di combattere la grande criminalità, in particolare quella organizzata, la corruzione, il traffico di droga e il terrorismo. La RGE individua, perciò, in ciascuno Stato membro persone competenti che svolgono un ruolo fondamentale sul piano pratico nel settore della cooperazione giudiziaria in materia penale (i cd. Punti di contatto), al fine di creare una rete di esperti per assicurare la corretta esecuzione delle richieste di assistenza giuridica. Trattasi di "intermediari attivi" incaricati di facilitare la cooperazione giudiziaria tra gli Stati membri.